Adolescenti e giovani

adolescenti

Gilbert Garcin | Icare contrecarré 2012

La comparsa di una condizione morbosa in età adolescenziale è un evento che oltre all’individuo investe, con un pesante carico di inquietudine, sofferenza e angoscia, altri sistemi che con quell’individuo quotidianamente coesistono, ovvero la famiglia, la scuola, e la comunità nel suo complesso.

Una condizione così complessa richiede un approccio integrato di tipo farmacologico associato a programmi a carattere terapeutico-riabilitativo, che contrastino il vissuto di rifiuto e di ostilità esterna con conseguente ritiro dalle attività sociali e che offrano opportunità di sperimentazione, di inclusione e di successo soggettivo.

All’intervento individualizzato è bene, secondo la nostra esperienza, associare un percorso psicoterapeutico ampliato al contesto familiare. Ciò per consentire sia l’elaborazione dei processi psicologici intrapsichici che hanno condizionato l’evoluzione psicotica, sia l’esplicitazione di modelli relazionali all’interno del sistema famiglia che, in modo inconsapevole e perseverante, sostengono il perdurare dell’induzione al funzionamento psicopatologico.

L’équipe curante è costituita da neuropsichiatri infantili, psichiatri e psicologi.